Monday, January 26, 2015

Aneddotica magazine: Wildleaks – Intervista ad Andrea Crosta


La prima piattaforma sicura per la denuncia dei crimini contro la Fauna Selvatica e le Foreste
Italiano, Andrea ha 25 anni di esperienza in progetti di conservazione in tutto il mondo, e oltre 15 anni di esperienza ad alto livello in progetti internazionali di sicurezza, investigazione e gestione del rischio.

E’ il direttore esecutivo e co-fondatore della ONG californiana Elephant Action League (EAL) http://elephantleague.org
e dal 1989 si e’ occupato di vari progetti di conservazione in Africa, Asia, Sud America ed Europa. Ha fatto parte del team di due persone che, attraverso un’investigazione durata 18 mesi, ha scoperto il legame tra il commercio di avorio e il gruppo terrorista somalo al-Shabaab (http://elephantleague.org/project/africas-white-gold-of-jihad-al-shabaab-and-conflict-ivory)
Per oltre 15 anni, parallelamente al suo impegno nel campo della conservazione, Andrea ha lavorato come consulente internazionale per aziende e agenzie governative per quanto riguarda servizi di sicurezza di alto livello, anti-terrorismo, tecnologie avanzate e gestione del rischio,un’esperienza unica e preziosa che ora mette al servizio della conservazione e della protezione della fauna selvatica. Inoltre come imprenditore, nel 1998, ha fondato ‘Think Italy’, una delle primissime società di e-commerce in Italia. Andrea ha un Master in Scienze Naturali, un Master in Business Administration e Innovation e una Laurea in Psicologia.


WILDLEAKS https://wildleaks.org
Aneddotica Magazine http://www.aneddoticamagazine.com/




Thursday, January 15, 2015

Intervista a Marco Calamari - Afrileaks









Afrileaks https://afrileaks.org/
GlobaLeaks https://globaleaks.org/
Progetto Winston Smith https://www.winstonsmith.info/pws/ind...

Marco Calamari, esperto di privacy e crittografia in Rete, collabora a progetti come Freenet, Mixmaster, Mixminion, Tor & GlobaLeaks. È il fondatore del Progetto Winston Smith e tra i fondatori del Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani Digitali.
Dal 2002 organizza il convegno E-Privacy ed è editorialista di Punto Informatico dove pubblica la rubrica settimanale Cassandra Crossing.
È membro del capitolo italiano di IISFA, di AIP e di OPSI e opera come consulente tecnico forense.
Home Page: http://www.marcoc.it/

HERMES Center for Transparency and Digital Human Rights http://logioshermes.org/


ANEDDOTICA MAGAZINE http://www.aneddoticamagazine.com/

Thursday, October 30, 2014

Aneddotica Magazine

Tuesday, January 29, 2008

Tourism 2.0

Web 2.0 Travel Tools http://web20travel.blogspot.com/



Travel-news http://www.travel-news.it/



Albert Barra http://www.albertbarra.com/ SKYPE_ID: albertbarra



GRUPPO TURISMO 2.0 http://groups.google.com/group/turismo20 (http://www.turismo20.com/video)



DOT-Tourism http://dottourism.com/blog/



Hotel Blogs http://www.hotel-blogs.com/



Marketing Fieristico http://marketingfieristico.blogspot.com



Travelmole http://www.travelmole.com/

Travolution http://travolution.blogspot.com/



Innovazione turismo http://icturismo.ning.com/



RItaliaCamp/Skypecast http://wiki.bzaar.net/RItaliaCamp/Skypecast1



Mario Lupi http://admaiora.blogs.com/maurolupi/



Marketing intelligence http://marketing-intelligence.blogspot.com/



Marketing Usabile http://marketingusabile.blogspot.com/







VIDEOS



SETH GODIN VIDEOS http://video.google.com/videosearch?q=seth+godin



WEB 2.0 http://video.google.com/videoplay?docid=3799145424889532408&q=web+2.0&total=5740&start=0&num=100&so=0&type=search&plindex=2

===============================================================================================



TRAVELCAMP Rimini

13 ottobre



http://barcamp.org/travelcamp



Per BarCamp s'intende un tipo di incontro caratterizzato dalla mancanza di una scaletta prefissata

di relatori e in cui non esiste un pubblico passivo.


I partecipanti all'evento sono invitati a partecipare in maniera attiva alle varie discussioni,

per condividere pensieri ed idee.
L'obiettivo Ë quello di riunire persone e mettere in comune la conoscenza,

sia essa una tecnologia oppure uníidea.

Per scrivere, richiedere informazioni o offrire aiuto al Travelcamp:

travelcamp@advitalia.org




La Prima Regola del BarCamp: "Nessun Spettatore, solo Partecipanti

Tutti i partecipanti devono mostrare una demo o preparare una presentazione/discussione,

una sessione o aiutare in una di queste. Ma anche no: se non ne hai voglia,

vieni e chiacchieri, nessuno ti obbligher‡ a fare alcunchÈ.





La community degli agenti di viaggio 2.0 ADVITALIA

http://www.advitalia.org/dblog/



Paolo Zaccheo SKYPE-ID: camperviaggi





------------------------------------------------------------------------------------------------



Web in Tourism 2007

Web in Tourism 2007 che avr‡ come relatori:

Mauro Lupi, Alberto Corti, Marco Bocciarelli, Marco Baldan, Massimo Martini,

Paolo Cellini e Dennis Zambon. Líevento Ë gratuito e lí intenzione principale

Ë quella di mostrare gli strumenti che non possono essere trascurati nel settore turistico sul web.



------------------------------------------------------------------------------------------------

Monday, June 25, 2007

Twitter

FENOMENO Twitter

http://www.tweet-r.com/ ------>INSTALL pc/mac
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------http://twitter.pivari.com/search/label/twitter%20software ----> INFOS
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Twitter
un servizio che consente di lasciare un messaggio in tempo reale non più lungo di 140 caratteri, condiviso e letto in community.
I messaggi di tutti possono anche essere ricevuti tramite sms.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://danmcweeney.com/promqueen/ -------->Add all your Twitter followers as your friends to gain popularity

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://google.com/coop/cse?cx=0040530801372240093763Aicdh3tsqkzy--------------> TWITTERSearch
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://www.lifehack.org/articles/lifehack/twitter-use-it-productively.html ---> LIFEHACK ARTICLE

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

TWITTER DIDATTICA ----------> Twitter: didattica ed everywhere messaging
http://www.edupodcast.it/index.php/2007/03/07/twitter-didattica-ed-everywhere-messaging/


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Robert Scoble, coautore di Naked Conversation, per esempio, scrive che “Big revolutions always start with the stupidest small things”.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

“into a fascinating blend of ephemerality and permanence, public and private”

What Twitter does, in a simple and brilliant way, is to merge a number of interesting trends in social software usage--personal blogging, lightweight presence indicators, and IM status messages--into a fascinating blend of ephemerality and permanence, public and private.

The big "P" word in technology these days is "participatory." But I'm increasingly convinced that a more important "P" word is "presence." In a world where we're seldom able to spend significant amounts of time with the people we care about (due not only to geographic dispersion, but also the realities of daily work and school commitments), having a mobile, lightweight method for both keeping people updated on what you're doing and staying aware of what others are doing is powerful.
Elizabeth Lane Lawley
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

By “everywhere messaging” we refer to the ability to send and receive electronic communication at any time and through a variety of means, including wired and wireless computer networks, voice telephones, and pagers. Our goal is to design messaging systems in which the receiver is always “on” and available, and messages are correctly chosen for unintrusive delivery. But even in the office, and especially out of it, message arrival must compete in the real world with other activities that place demands on users' cognition and for which message alerting may itself be a distraction. In this paper we consider four experimental projects in terms of their ability to meet everywhere messaging requirements of minimizing interruption, adaptation to the user, location awareness, and unintrusive user interfaces. These projects demonstrate message filtering, location-specific delivery, flexible auditory alerting, and operation in, and monitoring of, a heterogenous networking environment.
by C. Schmandt, N. Marmasse, S. Marti, N. Sawhney, and S. Wheeler
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------


DIDATTICA & TWITTER
http://edu.blogs.com/edublogs/2007/02/how_could_a_sch.html

Skype: ewan.mcintosh
CV:http://edu.blogs.com/ewanmcintosh/

Twitter allows loads of different ways to contribute small messages to 'mini blog'. You can upload messages through the Twitter website or via your phone. People can see what you've texted to the service by a dynamic badge on your blog or school website. They can also subscribe to the messages on their own mobile phone. This is where the potential for schools is great.

Parents could subscribe to different Twitter channels created by a school: Head Teacher's news, pupil of the week, announcements of meetings, sports news... Every time a new piece of news is released their mobile buzzes with the message. Alternatively, they could set it up on their work computer Internet Explorer, using the orange RSS button. If I were in a classroom I'd be seizing this to just send home great news on pupil progress (rules on identifying pupils remain - first names only, no class name given). For more whole-school issues such caution is less necessary as news would rarely cover any particular pupil.

Any takers? Anyone doing it already? I'd love to follow the uptake of such an initiative.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DIDATTICA di Antonio Sofi



Cosa può fare la scuola con il web 2.0? Mille cose più Twitter

Certo. La scuola 2.0 è conversazione, come scrivevamo una settimana fa: più dinamica e sfocata, senza monologhi e forte delle conversazioni. Ma in concreto come utilizzare le meraviglie del cosiddetto Web 2.0 per la didattica? E, innanzitutto, quali sono - queste meraviglie?

Una lista quasi infinita, datata ad ottobre scorso (ma sembra che sia aggiornata) è su Real World, Best of the Best Web 2.0 Web Sites. Se poi si vogliono maggiori garanzie d’aggiornamento, meglio il blog Everything 2.0, o il nuovo canale di Excite Italia, Web 2.0, curato dal giovane laureando Alessandro Guerra (che sul Web 2.0 sta elaborando una tesi, ovviamente una tesi 2.0). E per usarne qualcuna, di queste applicazioni?

Solution Watch ha pubblicato due puntate dedicate proprio alle possibili o potenziali applicazioni didattiche del Web 2.0: Back to School with the Class of Web 2.0: Part 1 e Back to School with the Class of Web 2.0: Part 2: tante risorse da esplorare.

Ancora. C’è la lista di 23 cose da fare con il web 2.0, che quasi un anno fa è stata messa a punto dal blog della biblioteca pubblica della contea di Charlotte Mecklenburg. Piccoli esercizi didattici che possono servire per iniziare a toccare con mano le potenzialità della internet sociale. Magari insieme alla propria classe. Aggiornando un po’ la lista, si va dal blogging alle foto di Flickr, dagli rss alla folksonomy, da del.icio.us a Technorati, da Wikipedia ai video di YouTube, dalla musica di Pandora e Last.fm ai podcast su iTunes.

Tutto troppo complicato? Forse. In effetti ognuno di questi servizi nasconde un mondo. Eppure ci si può, all’inizio, anche solo giocare. Il Web 2.0 è anche (se non soprattutto) una piacevole esperienza d’uso: dove volendo imparare facendo, e giocando (e tutti i servizi indicati sono gratuiti).

Si può iniziare a giocare, per esempio, con Twitter.

Twitter è un servizio - recita la presentazione - che serve a rispondere ad una sola semplice domanda, ovvero: cosa stai facendo in questo momento? In realtà è molto di più. Attraverso Twitter si possono pubblicare post di pochi caratteri (140) tramite web ma anche sms o instant messaging, e si sta dimostrando molto efficace per microblogging di comunità, flussi di notizie più o meno live, o segnalazioni veloci. E mille altre possibili applicazioni, ancora tutte da sperimentare. Come quella che propone Doug Belshaw, proprio in ambito didattico: usare Twitter con i propri studenti.

Doug scrive che è uno strumento fantastico per ricordare loro i compiti da fare, soprattutto considerato il fatto che Twitter dà anche la possibilità di ricevere gli aggiornamenti (gratuitamente) sul proprio numero di cellulare. E il vantaggio, spiega Doug, è che non c’è nemmeno bisogno di sapere i numeri di tutti, o mandare singoli sms: se loro sono abbonati al tuo twitter basta un singolo messaggio e difficile poi possano dire che non lo sapevano.


teaching.mrbelshaw.co.uk
…Doug Belshaw’s teaching-related blog: news, resources and ideas for busy teachers!........
Skype-ID: doug_belshaw