Thursday, October 30, 2014

Aneddotica Magazine

Tuesday, January 29, 2008

Tourism 2.0

Web 2.0 Travel Tools http://web20travel.blogspot.com/



Travel-news http://www.travel-news.it/



Albert Barra http://www.albertbarra.com/ SKYPE_ID: albertbarra



GRUPPO TURISMO 2.0 http://groups.google.com/group/turismo20 (http://www.turismo20.com/video)



DOT-Tourism http://dottourism.com/blog/



Hotel Blogs http://www.hotel-blogs.com/



Marketing Fieristico http://marketingfieristico.blogspot.com



Travelmole http://www.travelmole.com/

Travolution http://travolution.blogspot.com/



Innovazione turismo http://icturismo.ning.com/



RItaliaCamp/Skypecast http://wiki.bzaar.net/RItaliaCamp/Skypecast1



Mario Lupi http://admaiora.blogs.com/maurolupi/



Marketing intelligence http://marketing-intelligence.blogspot.com/



Marketing Usabile http://marketingusabile.blogspot.com/







VIDEOS



SETH GODIN VIDEOS http://video.google.com/videosearch?q=seth+godin



WEB 2.0 http://video.google.com/videoplay?docid=3799145424889532408&q=web+2.0&total=5740&start=0&num=100&so=0&type=search&plindex=2

===============================================================================================



TRAVELCAMP Rimini

13 ottobre



http://barcamp.org/travelcamp



Per BarCamp s'intende un tipo di incontro caratterizzato dalla mancanza di una scaletta prefissata

di relatori e in cui non esiste un pubblico passivo.


I partecipanti all'evento sono invitati a partecipare in maniera attiva alle varie discussioni,

per condividere pensieri ed idee.
L'obiettivo Ë quello di riunire persone e mettere in comune la conoscenza,

sia essa una tecnologia oppure uníidea.

Per scrivere, richiedere informazioni o offrire aiuto al Travelcamp:

travelcamp@advitalia.org




La Prima Regola del BarCamp: "Nessun Spettatore, solo Partecipanti

Tutti i partecipanti devono mostrare una demo o preparare una presentazione/discussione,

una sessione o aiutare in una di queste. Ma anche no: se non ne hai voglia,

vieni e chiacchieri, nessuno ti obbligher‡ a fare alcunchÈ.





La community degli agenti di viaggio 2.0 ADVITALIA

http://www.advitalia.org/dblog/



Paolo Zaccheo SKYPE-ID: camperviaggi





------------------------------------------------------------------------------------------------



Web in Tourism 2007

Web in Tourism 2007 che avr‡ come relatori:

Mauro Lupi, Alberto Corti, Marco Bocciarelli, Marco Baldan, Massimo Martini,

Paolo Cellini e Dennis Zambon. Líevento Ë gratuito e lí intenzione principale

Ë quella di mostrare gli strumenti che non possono essere trascurati nel settore turistico sul web.



------------------------------------------------------------------------------------------------

Monday, June 25, 2007

Twitter

FENOMENO Twitter

http://www.tweet-r.com/ ------>INSTALL pc/mac
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------http://twitter.pivari.com/search/label/twitter%20software ----> INFOS
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Twitter
un servizio che consente di lasciare un messaggio in tempo reale non più lungo di 140 caratteri, condiviso e letto in community.
I messaggi di tutti possono anche essere ricevuti tramite sms.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://danmcweeney.com/promqueen/ -------->Add all your Twitter followers as your friends to gain popularity

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://google.com/coop/cse?cx=0040530801372240093763Aicdh3tsqkzy--------------> TWITTERSearch
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://www.lifehack.org/articles/lifehack/twitter-use-it-productively.html ---> LIFEHACK ARTICLE

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

TWITTER DIDATTICA ----------> Twitter: didattica ed everywhere messaging
http://www.edupodcast.it/index.php/2007/03/07/twitter-didattica-ed-everywhere-messaging/


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Robert Scoble, coautore di Naked Conversation, per esempio, scrive che “Big revolutions always start with the stupidest small things”.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

“into a fascinating blend of ephemerality and permanence, public and private”

What Twitter does, in a simple and brilliant way, is to merge a number of interesting trends in social software usage--personal blogging, lightweight presence indicators, and IM status messages--into a fascinating blend of ephemerality and permanence, public and private.

The big "P" word in technology these days is "participatory." But I'm increasingly convinced that a more important "P" word is "presence." In a world where we're seldom able to spend significant amounts of time with the people we care about (due not only to geographic dispersion, but also the realities of daily work and school commitments), having a mobile, lightweight method for both keeping people updated on what you're doing and staying aware of what others are doing is powerful.
Elizabeth Lane Lawley
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

By “everywhere messaging” we refer to the ability to send and receive electronic communication at any time and through a variety of means, including wired and wireless computer networks, voice telephones, and pagers. Our goal is to design messaging systems in which the receiver is always “on” and available, and messages are correctly chosen for unintrusive delivery. But even in the office, and especially out of it, message arrival must compete in the real world with other activities that place demands on users' cognition and for which message alerting may itself be a distraction. In this paper we consider four experimental projects in terms of their ability to meet everywhere messaging requirements of minimizing interruption, adaptation to the user, location awareness, and unintrusive user interfaces. These projects demonstrate message filtering, location-specific delivery, flexible auditory alerting, and operation in, and monitoring of, a heterogenous networking environment.
by C. Schmandt, N. Marmasse, S. Marti, N. Sawhney, and S. Wheeler
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------


DIDATTICA & TWITTER
http://edu.blogs.com/edublogs/2007/02/how_could_a_sch.html

Skype: ewan.mcintosh
CV:http://edu.blogs.com/ewanmcintosh/

Twitter allows loads of different ways to contribute small messages to 'mini blog'. You can upload messages through the Twitter website or via your phone. People can see what you've texted to the service by a dynamic badge on your blog or school website. They can also subscribe to the messages on their own mobile phone. This is where the potential for schools is great.

Parents could subscribe to different Twitter channels created by a school: Head Teacher's news, pupil of the week, announcements of meetings, sports news... Every time a new piece of news is released their mobile buzzes with the message. Alternatively, they could set it up on their work computer Internet Explorer, using the orange RSS button. If I were in a classroom I'd be seizing this to just send home great news on pupil progress (rules on identifying pupils remain - first names only, no class name given). For more whole-school issues such caution is less necessary as news would rarely cover any particular pupil.

Any takers? Anyone doing it already? I'd love to follow the uptake of such an initiative.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

DIDATTICA di Antonio Sofi



Cosa può fare la scuola con il web 2.0? Mille cose più Twitter

Certo. La scuola 2.0 è conversazione, come scrivevamo una settimana fa: più dinamica e sfocata, senza monologhi e forte delle conversazioni. Ma in concreto come utilizzare le meraviglie del cosiddetto Web 2.0 per la didattica? E, innanzitutto, quali sono - queste meraviglie?

Una lista quasi infinita, datata ad ottobre scorso (ma sembra che sia aggiornata) è su Real World, Best of the Best Web 2.0 Web Sites. Se poi si vogliono maggiori garanzie d’aggiornamento, meglio il blog Everything 2.0, o il nuovo canale di Excite Italia, Web 2.0, curato dal giovane laureando Alessandro Guerra (che sul Web 2.0 sta elaborando una tesi, ovviamente una tesi 2.0). E per usarne qualcuna, di queste applicazioni?

Solution Watch ha pubblicato due puntate dedicate proprio alle possibili o potenziali applicazioni didattiche del Web 2.0: Back to School with the Class of Web 2.0: Part 1 e Back to School with the Class of Web 2.0: Part 2: tante risorse da esplorare.

Ancora. C’è la lista di 23 cose da fare con il web 2.0, che quasi un anno fa è stata messa a punto dal blog della biblioteca pubblica della contea di Charlotte Mecklenburg. Piccoli esercizi didattici che possono servire per iniziare a toccare con mano le potenzialità della internet sociale. Magari insieme alla propria classe. Aggiornando un po’ la lista, si va dal blogging alle foto di Flickr, dagli rss alla folksonomy, da del.icio.us a Technorati, da Wikipedia ai video di YouTube, dalla musica di Pandora e Last.fm ai podcast su iTunes.

Tutto troppo complicato? Forse. In effetti ognuno di questi servizi nasconde un mondo. Eppure ci si può, all’inizio, anche solo giocare. Il Web 2.0 è anche (se non soprattutto) una piacevole esperienza d’uso: dove volendo imparare facendo, e giocando (e tutti i servizi indicati sono gratuiti).

Si può iniziare a giocare, per esempio, con Twitter.

Twitter è un servizio - recita la presentazione - che serve a rispondere ad una sola semplice domanda, ovvero: cosa stai facendo in questo momento? In realtà è molto di più. Attraverso Twitter si possono pubblicare post di pochi caratteri (140) tramite web ma anche sms o instant messaging, e si sta dimostrando molto efficace per microblogging di comunità, flussi di notizie più o meno live, o segnalazioni veloci. E mille altre possibili applicazioni, ancora tutte da sperimentare. Come quella che propone Doug Belshaw, proprio in ambito didattico: usare Twitter con i propri studenti.

Doug scrive che è uno strumento fantastico per ricordare loro i compiti da fare, soprattutto considerato il fatto che Twitter dà anche la possibilità di ricevere gli aggiornamenti (gratuitamente) sul proprio numero di cellulare. E il vantaggio, spiega Doug, è che non c’è nemmeno bisogno di sapere i numeri di tutti, o mandare singoli sms: se loro sono abbonati al tuo twitter basta un singolo messaggio e difficile poi possano dire che non lo sapevano.


teaching.mrbelshaw.co.uk
…Doug Belshaw’s teaching-related blog: news, resources and ideas for busy teachers!........
Skype-ID: doug_belshaw

Thursday, May 18, 2006

“Dal piccione viaggiatore al web”

Soluzioni avanzate per la promozione turistica.

“Nel cyberspazio esisti in proporzione alla tua visibilità.”


Il turismo da qualche anno si sviluppa attraveso internet avvalendosi dei suoi vantaggi indiscussi:
la velocità, l' interazione, la condivisione.
Il proliferare di portali di ogni sorta, booking online, vetrine publlicitarie, blogosfere, communities sempre più deve convincere del fatto che chi vuole operare nel turismo a qualsiasi livello,
debba per forza adeguarsi a questo nuovo media.
Un nuovo linguaggio, dunque che va imparato come qualsiasi lingua straniera.
In Italia sembran pochi coloro che hanno investito tempo, più che risorse, nell' apprendere
l' arte di stare in rete, l' esserci nel cyberspazio.
Alcuni hanno investito ampiamente in presentazioni multimediali spettacolari a la mode di un era del webdesign omologata a Flash, ma spesso prive di contenuti, fini a sé stesse e ancor peggio invisibili.
Ma ancor più grave molti operatori turistici ancora non hanno nemmeno una pagina web propria, alcuni nemmeno un e-mail, altri hanno statici cattivi esempi di codice HTML.
Se il turista è riuscito a sognare prima ancora di arrivare a destinazione il gioco è fatto.
Il sogno è sempre più bello della realtà.
Questo è compito dell'operatore turistico, che sia l'albergatore, oppure l'organizzatore di eventi avvalersi di tutti quegli strumenti propri di questo nuovo media per incremen capitale di contatti.
Segnalare ad un turista aspetti particolari ed inediti, svelare un qualche aspetto segreto, organizzare tour cittadini o naturalistici particolari possono fare la differenza, renderdoci unici.
Si vendono sogni, emozioni.
Bisogna diventare “mucche viola” parafrasando un profeta del viral marketing, Seth Godin.
L'operatore turistico, se vuole distinguersi ed uscire dall'anonimato della massa dei suoi concorrenti deve conquistare il suo cliente prima che questi parta.
Comunicazione non è solo informare, bensì dialogare con la controparte dove quest'ultima fin prima d'arrivare a destinazione ha goduto della descrizione che ne ha fatto il suo tutore/operatore.
Nel turismo competitivo la conquista del cliente avverrà prima della sua partenza, e senza la mediazione di nessuno.
Esistono tecnologie ben comprovate (frameworks) che permettono, senza conoscenze specifiche di web mastering di possedere strumenti, integrati al nostro sito web, capaci di metterci in contatto con gli abitanti del cyberspazio, di interagire con loro, di conoscerli, di dialogarci, di condividere informazioni come nel “mondo reale”.
L'interfaccia diventa importantissima diviene un mezzo, per citar Negroponte "per realizzare delle vere e proprie conversazioni faccia a faccia, come quelle che avvengono tra persone".
Sempre più fare turismocoinciderà con l' “esserci in rete”, “cyber social networking”, il lavorare in rete, be connected as more as possible, vivere in rete.
Un sito web non è una semplice brochure, ma un media sofisticato, un'emittente inter-attiva 24 ore su 24.
Nel cyberspazio si esiste in proporzione alla tua visibilità.
E' necessaria quindi massima visibilià
- marketing virale un messaggio che, come un virus, si sparge tra il popolo del Web
- utilizzo di media contagioso a costi nulli
- costruzione di un proprio social network
- utilizzo di tecnologia Voip
- rapporto costante personalizzato con i clienti
- reinvenzione della propria azienda


Marketing Virale - un messaggio che, come un virus, si sparge tra il popolo del Web.


“Il marketing virale descrive ogni strategia che incoraggia dei singoli a passare ad altri un messaggio pubblicitario, creando il potenziale per la crescita esponenziale del messaggio stesso.
” (Ralph Wilson)

Il marketing virale può essere chiamato “passaparola” o “network marketing”, ma nel Web.
Il marketing virale dimostra la sua efficacia sia sotto l'aspetto della qualità che dei costi.
La democraticità nell' accesso ad una rete sociale, in cui si entra gratuitamente, dei forums, rende possibile lo scambio di opinioni, implemntato da tecnologie quali audioconferenza, videoconferenza
il tutto a costi irrisori, la connessione internet.
Il Viral marketing utilizza i media contagiosi per diffondersi, ovvero quell' insieme di tecniche rivolte allo sfruttamento di network sociali al fine di incrementare la visibilità di un brand invitando le persone a condividere con i propri conoscenti il nostro messaggio pubblicitario.
E' necessario intrattenere, esserci “right now”.
Animazioni,files,podcast, photocast,forums, blogs, presentations, geoposition, social networks rappresentano a pieno esempi di media contagiosi.
Nasce un nuovo protocollo in rete: RSS che offre la possibilità di rendere più gestibile l'informazione in internet.
Questa possibilità è offerta dal linguaggio di marcatura XML (Extensible Markup Language), che è la grammatica degli RSS la quale consente di recuperare gli aggiornamenti da un sito, notificandoci la presenza di nuovi contenuti. E' come fare una sottoscrizione ad un magazine.uesto protocollo è per lo più sfruttato da i CMS (content management systems) weblogs e podcastings, web site dinamiche che attraverso interfacce “user-friendly intuitive ci permettono la pubblicazione di contenuti sulla nostra pagina web, proprio come una testata giornalistica.
Per catturare l'attenzione (e quindi poi vendere il nostro prodotto) è necessario fornire servizi a valore aggiunto.I nostri prodotti non possono essere lasciati da soli.
E' necessario quindi personalizzarsi, unicizzarci, fidelizzare il cliente con fantasia e creatività.
L'utente fa del sito aziendale un proprio punto di riferimento se vi trova articoli,
forum, news, newsletter, call center, chat, calendario eventi, accesso multilevel.
Il tutto aggiornato puntualmente e con rigore.

Ma cosa significa di fatto curare i contenuti di un sito ?

Sinteticamente, due cose:
• studiare l'architettura editoriale del web aziendale in modo da renderlo coerente con
l'immagine e gli obiettivi d'impresa: efficace, usabile, chiaro.
• mettere a punto i servizi informativi più interessanti e utili per attrarre l'attenzione dei
navigatori e farli tornare frequentemente sul sito.
E quindi i contenuti devono essere costantemente aggiornati.Dunque un bravo scrittore dovrebbe essere parte integrante di qualsiasi business sul web in quanto la sua figura è ormai importante tanto quanto il webmaster.
Lo scrittore è colui che sarà in grado di dare contenuti al sito e poiché ai
motori di ricerca piacciono i siti con contenuti inerenti, aggiornati e nuovi, il
risultato sarà quello di ricevere considerazione ed incremento continuo nel
posizionamento.
Quando si parla di importanza dei contenuti, non ci si riferisce solo
all’attinenza degli stessi con l’argomento del sito, ma tutto ciò che può rappresentare per il visitatore ipotesi di conoscenza.






CMS (content management systems)

• Punto di accesso unico – fornisce una svariata collezione di servizi
• Mettegli utenti nella condizione di poter comunicare tra di loro (forum, blogs, mailing list, chat, call center) e con i gestori del portale
• Fornisce servizi di gestione dei contenuti – supporta il ciclo di vita dei documenti (creazione, approvazione, versioni, pubblicazione, indicizzazione, ricerca)
• Personalizza l’accesso ai contenuti –utenti diversi ottengono informazioni diverse
• Integra contenuti e servizi da piu` sistemi

–SEO (web promotion)
–Linux come abbattimento dei costi ed estensione a tutti i progetti open source, quindi soluzioni alternative gratuite ai programmi da ufficio più comuni ( pacchetto office), sicurezza, networking, privacy.
–Crezione di siti web dinamici con accesso amministratore